La Business Intelligence applicata alla sicurezza pubblica aiuta a “prevedere” scenari futuri

Soluzioni di Business intelligence e Predictive analytics, sempre più sofisticate nel campo della Sicurezza Pubblica, sono in grado di qualificare, incrociare ed elaborare dati esistenti per delineare previsioni attendibili e consentire a organizzazioni di pronto intervento di percepire in anticipo eventi che potrebbero verificarsi.

Calamità naturali, azioni criminali e/o terroristiche, incidenti su infrastrutture critiche: sono esempi di situazioni emergenziali in cui l’uso dell’enorme quantità di dati disponibili provenienti da sensori o altre fonti può dare risposte capaci di produrre benefici concreti per la salvaguardia della sicurezza pubblica.

Grazie a strumenti di Business intelligence e di Predictive analytics, capaci di qualificare, incrociare ed elaborare i dati esistenti per delineare previsioni attendibili, oggi le organizzazioni che gestiscono servizi di pronto intervento, quali emergenza sanitaria, vigili del fuoco, forze dell’ordine e Protezione Civile, possono percepire in anticipo eventi che potrebbero verificarsi. Intergraph Business Intelligence per la sicurezza pubblica, per esempio, il sistema studiato da Hexagon Safety & Infrastructure, società leader specializzata in soluzioni tecnologiche per la sicurezza e la protezione di infrastrutture critiche, comprende una serie di soluzioni che aiutano a individuare, monitorare e analizzare enormi quantità di dati sulla sicurezza pubblica, per facilitare una migliore pianificazione e implementazione delle risorse da parte delle forze di soccorso. 

“Si tratta di software che permettono di confrontare situazioni attuali e passate per determinare relazioni e tendenze. I supervisori e il personale di comando possono eseguire misurazioni e monitoraggio delle prestazioni in tempo reale tramite dashboard intuitivi – commenta Angelo Gazzoni, country manager Italy Hexagon Safety & Infrastructure –  Sfruttando l’enorme archivio di dati storici e mettendolo a confronto con i dati raccolti in tempo reale, le organizzazioni possono utilizzare le informazioni che ne scaturiscono per prendere decisioni strategiche sui tempi e le modalità di intervento. Il risultato sarà quello di ottenere una maggiore Situational Awareness, ovvero la capacità più puntuale di avere una visione chiara e dettagliata della situazione in corso e di prevedere la sua evoluzione, prendendo rapidamente le decisioni più adeguate sulle modalità d’azione”.

A fronte di ciò, per giungere e operare in una situazione ottimale, le organizzazioni hanno la necessità di valorizzare il patrimonio informativo, contenuto negli archivi storici dei loro sistemi, integrandolo con i dati di evento real time. Spesso, infatti, succede che i dati storici siano poco comprensibili perché inseriti in database dalla struttura complessa o in sistemi che non comunicano tra loro o in sistemi che hanno reportistiche poco efficienti. A tal proposito, esistono piattaforme, come Intergraph InSight Reporting, capaci di creare e condividere rapidamente report e dashboard interattivi, migliorando la comunicazione condivisa, aumentando la capacità analitica delle forze di sicurezza in modo sensibile grazie a facili strumenti di visualizzazione fruibili anche su dispositivi mobili dal teatro d’azione.

 

La Predictive analytics per la prevenzione di crimini e incidenti 

Tra le strategie d’azione volte a supportare le operazioni delle forze dell’ordine nella prevenzione di incidenti e nella lotta al crimine, l’analisi predittiva dei dati risulta essere quella più efficace. Grazie ad un software georiferito, è possibile, per esempio, prevedere meccanismi che conducono ad un crimine attraverso l’utilizzo di indici di frequenza relativi a fattori tipici di alcuni contesti sociali (ad esempio incidenza scippi, furti d’auto per rapina, ecc) che elaborano indicazioni statistiche sul dove e il quando un crimine possa di nuovo accadere, con una probabilità molto alta. 

Le diverse piattaforme informatiche e software di ultima generazione, progettati per le analisi predittive nell’ambito della business intelligence, permettono, quindi, di acquisire una visione accurata della situazione attuale, di individuare scenari futuri e di favorire e suggerire decisioni efficaci per ottenere risultati tangibili. E’ il caso di Intergaph Insight Expolorer, un’applicazione di mappatura e analisi del crimine self-service basata sul web per le forze dell’ordine. Consente agli analisti di cercare e interpretare grandi volumi di dati non strutturati e strutturati relativi a crimini, incidenti e operazioni, per prendere decisioni più consapevoli; accelera il processo investigativo, ottimizzando l’uso delle risorse e permettendo ai soggetti competenti di focalizzarsi su compiti e attività più complicate.

“Col diffondersi delle tecnologie di Machine Learning e la potenza computazionale fornita dal cloud che permette analisi di grandi moli di dati in tempo reale, sarà possibile rendere sempre più efficaci questi modelli previsivi ed analitici – continua Angelo Gazzoni. Grazie alla spinta di queste tecnologie, già oggi disponibili nelle soluzioni di business intelligence di Hexagon, sarà possibile rendere più efficiente l’utilizzo delle risorse disponibili (uomini e mezzi) gestendo in modo più preciso le priorità e fornendo elementi utili all’identificazione e cattura di criminali e/o alla riduzione delle conseguenze dovute ad un atto criminale, un evento naturale o catastrofico”.

Case history

Il sistema Business Intelligence per la Sicurezza pubblica studiato da Hexagon Safety & Infrastructure costituisce un importante fattore di differenziazione e di successo. Lo dimostrano alcuni casi recenti in cui è stato applicato, tra cui: Alberta Health Services, la più grande struttura sanitaria in Canada che gestisce un bacino territoriale di oltre 4 milioni di persone, la quale è riuscita a migliorare gestione e reporting dei dati per prendere decisioni strategiche; la polizia regionale di Halton, che si occupa di garantire la sicurezza di una delle aree più grandi del Canada, la cui efficienza nel gestire scenari di cross-dispatch, nell’allocare gli agenti durante i picchi delle chiamate di intervento e nel mappare hotspots di attività criminali hanno portato Halton ad essere nominato Municipio regionale più sicuro del Canada; la Louiseville MetroSafe negli Stati Uniti che è in grado di valutare con precisione tempi e modi di intervento, raccogliere e segnalare informazioni critiche in tempo reale . 

Hexagon Safety & Infrastructure – Hexagon Safety & Infrastructure, divisione dell’azienda Hexagon AB (Nasdaq Stockholm: HEXA B), offre soluzioni innovative nell’ambito delle reti e della sicurezza basate su tecnologie geospaziali in grado di fornire benefici significativi in termini di efficienza e capacità operative. Ereditando la leadership tecnologica a livello mondiale nel settore geospaziale, utilities e telecomunicazioni di Intergraph (presente in Italia dal 1983), l’offerta tecnologica Hexagon è ampiamente utilizzata in tutto il mondo, in svariati ambiti. 

Due le principali aree di intervento nelle quali opera Hexagon Safety & Infrastructure: 

  • Public safety & security (Polizia, Forze dell’ordine, Vigili del fuoco, Protezione civile, ambulanze, Protezione delle infrastrutture critiche ecc)
  • Utilities & Communication (Telecomunicazioni, Elettricità, Acqua, Gas, Multi-utility)

In ambito sicurezza, una persona su 12 nel mondo è protetta da una soluzione realizzata da Hexagon Safety & Infrastructure. 

https://www.hexagonsafetyinfrastructure.com/ 

Staff Autore